Una «provocazione». Scrittori e popolo (nell’età di Dante)

cronaca della lezione di Antonio Montefusco del 20 Aprile 2016
nell’ambito del Seminario: Lingue, saperi e conflitti nell’Italia Medievale
a cura di Elena Sbrojavacca

Nel suo secondo intervento all’interno del seminario Lingue, saperi e conflitti nell’Italia medievale, il professor Antonio Montefusco ha presentato una riflessione in diacronia sulla complessa questione dell’identità culturale italiana. Partendo da alcuni spunti teorici più e meno recenti, ha proposto di guardare al periodo compreso fra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo per individuarvi delle linee di tendenza della letteratura italiana che, mutatis mutandis, si ripresentino come valide nella contemporaneità.

Nella prima parte della lezione, Montefusco ha cercato di delinearne il retroterra teorico, un panorama critico che mettesse al centro il problema del ruolo della letteratura nella società. La sua riflessione ha preso le mosse, come suggerisce il titolo scelto per l’intervento, da due classici degli anni Sessanta, Scrittori e popolo di Alberto Asor Rosa (1965) e Storia della letteratura come provocazione di Hans Robert Jauss (1967). In primis ha dunque chiamato in causa le teorie ricezioniste di Jauss, con il loro tentativo di reagire a un’ermeneutica della letteratura di stampo idealista superando altresì la dicotomia tra formalismo e marxismo. Jauss cercava infatti di guardare alla creazione artistica come momento d’incontro fra l’autore e il suo pubblico, tenendo in considerazione sia il contesto storico che l’individualità dell’artista, e scongiurando così sia il pericolo di tener conto della sola persistenza di motivi formali e di ignorare il dato storico, sia quello di annullare l’autonomia del tratto culturale per ricondurre ogni opera al grande disegno della Storia economica e sociale.

Scrittori e popolo è servito invece a introdurre il tema della specificità culturale italiana: in quel saggio, Asor Rosa accusava infatti la cultura post-risorgimentale di essere integralmente populista, tesa a costruire il proprio soggetto, il popolo, a proporsi come fondatrice di un’identità nazionale. Non si era mostrata, insomma, all’altezza del grande modernismo europeo, troppo attaccata alla sua tradizione storicistica e troppo edulcorata nella sua attitudine irenicamente progressista.

In tempi più recenti, la pubblicazione del volume di Roberto Esposito Pensiero vivente (2010) ha riproblematizzato la questione dell’identità italiana, dando nuova vita al dibattito sulla cosiddetta “Italian Theory”. Con questa denominazione, modellata su quella di “French Theory” (lo studio di ambito anglosassone sulla ricezione del pensiero post-strutturalista francese), vengono indicati i tentativi di illustrare, mediante un approccio teoretico e storico-filosofico, le peculiarità della cultura italiana nel panorama occidentale globalizzato.

Quali sembrano essere, allora, le specificità del nostro pensiero? In primo luogo, un forte impianto storicistico che, attraverso la linea Machiavelli-Vico-Cuoco-De Sanctis, forgia la nostra tradizione e la distingue dalle tendenze del resto d’Europa. In secondo luogo, il suo mettere al centro la questione dello Stato, percepito sempre come in fieri. La costante problematizzazione dello spazio istituzionale fa sì che il pensiero italiano in alcune stagioni possa assumere i tratti della radicalità. Una terza caratteristica, infine, riguarda la ricerca di mezzi espressivi, che comporta l’invenzione di sempre nuovi e non codificati generi letterari, spesso di natura ibrida.

Sulla stessa linea di ricerca si colloca il volume miscellaneo a cura di Daniele Balicco Made in Italy e cultura, che parte dall’idea di studiare l’Italia contemporanea dalla prospettiva straniera, concentrandosi «sulla genealogia della sua immagine internazionale». Un esperimento simile, ma con uno sguardo dall’interno, è costituito da New Italian Epic, teorizzazione del 2008 del collettivo di scrittori Wu Ming. Si tratta del tentativo, apparso come discussione sul web e soltanto in seguito diventato un volume Einaudi, di descrivere le tendenze di una parte della narrativa italiana degli anni Zero individuandovi «un giacimento di immagini e di riferimenti condivisi». Questo fenomeno, secondo il collettivo, nasce in Italia, e non poteva verificarsi altrove, in ragione della singolarità della fase storica che il nostro Paese vive all’indomani della caduta del Muro di Berlino e il conseguente crollo dei partiti storici che lo avevano guidato. Ad accumunare quella che gli scrittori definiscono una strana «nebulosa» di testi c’è una tendenza a creare «oggetti narrativi non-identificati», cioè refrattari ad una precisa indicazione di genere. I loro autori sono a vario titolo votati al recupero dell’impegno nei confronti della realtà a cui appartengono, forti di una rinnovata fiducia nella parola e nelle sua possibilità di agire sul mondo. Sono opere che rivendicano una «presa di posizione e assunzione di responsabilità», in cui una grande sperimentazione stilistica e linguistica si accompagna ad una studiata allegorizzazione, volta a raccontare il presente attraverso prospettive inedite. Wu Ming descrive una lunga e quasi inconsapevole ricerca del connubio perfetto tra complessità e attitudine pop, dopo la vuota stagione dell’ironia e del pastiche postmoderni. Un simbolo di questa tipologia testuale è Gomorra di Roberto Saviano, in cui si registrano un peculiare lavoro sull’io narrante (che diventa io sovraccarico, sintesi di più punti di vista) e un complesso rapporto fra fiction e non-fiction.

Montefusco propone di utilizzare simili suggestioni metodologiche per indagare nella sua genealogia la peculiarità italiana, guardando all’Italia di fine Duecento.

Come hanno ribadito in un recente articolo Emanuele Coccia e Sylvain Piron, infatti, la stagione culturale grossomodo compresa fra il 1290 e il 1330 è estremamente interessante e vivace. Mancando un’università di teologia e filosofia autonoma, si osserva a questa altezza un pullulare di esperienze culturali dense e diversificate, che producono un’impressionante crescita di esigenze intellettuali. Una grande circolazione di testi filosofici che provengono dalla Francia si intreccia con quella di testi aristotelici e ciceroniani, fondamentali per le équipe amministrative della vita comunale. In questo particolare contesto, si viene a creare un modello di intellettuale pluridisciplinare: Dante è il caso più celebre, ma tutt’altro che isolato, se pensiamo a personalità altrettanto poliedriche come Cino da Pistoia, Cecco d’Ascoli o Dino del Garbo.

Oltre alla sorprendente circolazione dei saperi, l’altro dato fondamentale del periodo è connesso alla storia istituzionale: si assiste in quegli anni alla creazione di uno spazio comunale denso, effervescente, fondato sul popolo. Si crea attorno ad esso un grandissimo interscambio di esperienze, di notizie, di libri, che alcuni grandi storici italiani (Giovanni Tabacco, Ovidio Capitani, Enrico Artifoni fra gli altri) hanno saputo raccontare magistralmente, mettendo in evidenza le interconnessioni fra economia, arti e politica.

Nel XIII secolo tutti i Comuni attraversano una fase di grandi trasformazioni, quella delle cosiddette Rivoluzioni di Popolo: si assiste a un ricambio nel ceto dirigente, e ad una forte conflittualità fra i milites (l’aristocrazia consolare, che godeva di enormi privilegi, anche fiscali) e i non-milites (fra cui figuravano molti ricchi banchieri); per la prima volta questi ultimi si impongono per ottenere rappresentanza politica. La crescita dell’alfabetizzazione e una nuova consapevolezza dei propri bisogni politici fanno sì che si crei una fazione di non rappresentati dal comune podestarile che si autodefinisce Populus. È una definizione ambigua, che si rifà al modello repubblicano romano, e racchiude in sé tutti gli abitanti del Comune che, non essendo cavalieri, sono esclusi dalle istituzioni. A tal proposito, Montefusco ha richiamato le teorie di Ernesto Laclau (in particolare l’opera On Populist Reason): questo politologo dell’America Latina, grande lettore di Gramsci e utilizzatore della nozione di “egemonia”, ricordava come qualsiasi battaglia populista diventi tale quando si crea una sorta di alternativa tra il popolo e le istituzioni: le singole istanze del popolo non hanno valore anti-sistemico, se prese individualmente, ma sommate insieme propongono vere e proprie alternative alle istituzioni vigenti. Questo è più o meno quello che succede nelle Rivoluzioni di Popolo, che hanno un impatto culturale fortissimo e che vedono protagonisti gli intellettuali, con il conseguente innesto della letteratura volgare all’interno dello spazio comunale.

Il Popolo, gruppo eterogeneo che diventa “insieme” grazie all’esigenza di un riconoscimento politico, sacralizza lo spazio comunale e aderisce alle istituzioni di rappresentanza con grandissima partecipazione. Molti intellettuali sposano la causa con ardore, in un intreccio inscindibile fra letteratura e vita politica cittadina. La grande personalità del Popolo di Firenze nel decennio 1250-1260 è Brunetto Latini, protagonista del regime degli anni ’50 ed esiliato dopo Montaperti durante il Regime dei milites ghibellini. Nel Tesoretto ricorda che l’uomo «nasce primeramente al padre e a’ parenti, e poi al suo Comuno», a testimonianza del fortissimo senso di appartenenza allo spazio politico. Nella tradizione fiorentina le idee di Brunetto trovano prosieguo nell’ordine dei predicatori domenicani, e in particolar modo nella figura di Remigio de’ Girolami. Remigio dimostra infatti una simile vocazione civile nella sua De bono comuni.

Su un altro versante, dobbiamo ricordare Guittone d’Arezzo, che nel 1265 entra nell’ordine dei Frati Gaudenti, nato sotto gli auspici del Papato con l’obiettivo di aiutare i milites guelfi perché riuscissero a mantenere una posizione di preminenza. Il progetto di Guittone sembra parallelo a quello di Brunetto: cerca di appropriarsi degli strumenti propagandistici del popolo per sfruttarli in una direzione opposta. Il progetto di Brunetto e quello di Guittone sono alternativi, e guardano agli interessi di due fazioni contrapposte, ma utilizzano fondamentalmente lo stesso sostrato retorico.

La divisione politica fra milites e Popolo, infatti, ha precise ricadute in campo culturale: Jean-Claude Maire Vigueur ha messo in luce come alla metà del Duecento i milites subiscano una grandissima sconfitta proprio perché non riescono a rispondere da un punto di vista culturale al progetto del popolo, a dotarsi di adeguati strumenti letterari per ripensare le istituzioni. Un altro esempio fondamentale dello stretto connubio fra letterati e popolo è la figura di Dino Compagni, poeta oltre che autore della famosa Cronica. Rimane infatti una canzone di Dino (Canzone del Pregio), dal tipico approccio popolare: vi si descrive una gerarchia di ruoli che parte dall’Imperatore e scende sempre più in basso. Dino è un popolano radicale: ha sostenuto Giano della Bella (1293-1295) nel suo progetto di totale esclusione dei magnati dal governo, e dal 1295 è rimasto sostanzialmente in esilio all’interno della città.

Il dinamismo di questa particolare stagione istituzionale spiegherebbe anche le oscillazioni della vicenda politica di Dante, guelfo a Firenze, ma deluso dalla parte Bianca durante l’esilio, e finanche ghibellino (secondo alcuni, fra cui Enrico Fenzi) intorno agli anni del De vulgari eloquentia e del IV libro del Convivio, lungo una linea ideologica che avrà il suo massimo sviluppo nella Monarchia. I Bianchi sono infatti la fazione guelfa più aperta ai rapporti con i popolani moderati; il nonno di Dante, del resto, aveva aderito al Regime di Primo Popolo. Nella sua formazione politica, quindi, Dante è influenzato dalla mitologia del Regime popolare di Firenze, e per questo sente fortissimo il problema della pacificazione, intrinsecamente connesso all’ideologia del popolo, che sapeva di non poter competere con i cavalieri sul piano militare, e perciò teorizzava il pacifismo e la difesa del bene comune.

Secondo Montefusco, Dante è al contempo il più grande interprete e il più grande sovvertitore della tradizione popolare, perché nel seno di quella tradizione si fa portavoce di un pensiero estremamente critico sulle istituzioni. Su questa base, si potrebbe ipotizzare una filiazione diretta del New Italian Epic da questa linea della nostra letteratura. Dante sarebbe insomma il primo autore di quella “Old Italian Epic” a cui si riallacciano i narratori degli anni Zero che fanno parte della «nebulosa» descritta da Wu Ming. Le ragioni per cui Montefusco ipotizza la derivazione sono le seguenti: innanzitutto, la Commedia, come i romanzi di inizio millennio, forza i generi letterari e si avventura in territori prima inesplorati di sperimentazione linguistica e stilistica; in secondo luogo, offre un punto di vista molteplice, e presenta un io narrante sovraccarico che la rende ideologicamente più vicina a opere come Gomorra di Saviano o Petrolio di Pasolini che alla Recherche proustiana; vi coesistono una complessità teologica e narrativa inaudite e un’attitudine genuinamente “pop”; infine, collocando il racconto nel 1300, quindi circa 15 anni prima della sua contemporaneità, Dante costruisce quella che Wu Ming definisce una «alternate history fiction».

La proposta di Montefusco è estremamente interessante come invito ad interrogarsi sulle caratteristiche fondamentali della cultura italiana – per lo meno in alcune sue stagioni –, che ne preservano l’originalità e la riconoscibilità all’interno di un processo di globalizzazione che porta all’appiattimento delle differenze. Da un punto di vista strettamente ermeneutico, tuttavia, si rivela un approccio più utile a indagare un determinato contesto sociale, una generazione di scrittori o un fenomeno culturale nel suo insieme, piuttosto che per interpretare e valutare nel suo specifico l’opera di un singolo autore. Teorizzazioni come quella di Wu Ming, infatti, hanno il pregio di descrivere in maniera convincente i tratti salienti di una temperie culturale, ma rischiano di risultare inappropriate al confronto con il singolo testo letterario. L’opera d’arte continuerà infatti a sfuggire ai tentativi di incamerarla nelle paratie troppo rigide di un preciso contesto storico.

Elena Sbrojavacca, Università Ca’ Foscari di Venezia

elena.sbrojavacca@unive.it

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Daniele Balicco, Made in Italy e cultura, Palermo, Palumbo, 2015.
Enrico Fenzi, Dante ghibellino. Note per una discussione, in «Per leggere», 13, 24 (2013), pp. 171-197.
Wu Ming, New Italian Epic, Torino, Einaudi, 2009.
Emanuele Coccia, Sylvain Piron, Poésie, science et politique. Une génération d’intellectuels italiens (1290-1330), in «Revue de Synthèse», 129, 2008, pp. 549‐586.
Ernesto Laclau, On populist reason, London-New York, Verso, 2005
Alberto Asor Rosa, Scrittori e popolo, Roma, Samonà e Savelli, 1965.
Hans Robert Jauss, Storia della letteratura come provocazione, Torino, Bollati e Boringhieri, 1999.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *