Ars dictaminis: cultura egemonica del Basso Medioevo

Cronaca del seminario tenuto il 5 aprile 2016 dal professor Benoit Grévin (CNRS, Parigi)
a cura di Martina Bonciani

L’ars dictaminis fu l’attualizzazione medievale della retorica antica incentrata sulla scrittura prosastica; originariamente e prevalentemente latina, essa fu estesa anche al volgare negli ultimi secoli della sua diffusione. Si tratta di una tecnica che tende a rivolgersi all’intero arco della scrittura e della comunicazione. Come nelle esposizioni classiche, essa punta a insegnare la costruzione della prosa e la disposizione della materia, ma rispetto ad esse presenta notevoli innovazioni: la più celebre è la pratica del cursus, un insieme di schemi di successioni sillabiche che conferivano eleganza e ritmicità alla prosa.

Fu una pratica egemonica in tutta Europa dal XI al XV secolo, quando fu solo parzialmente abbandonata perché non risponente al nuovo gusto dell’imitatio e del restauro dei classici. Essa era solitamente definita come specifica della prassi epistolare e notarile ma in realtà risulta estesa anche alla letteratura, essendo ben più sfumati rispetto all’oggi i confini fra scrittura ufficiale (atti, leggi, lettere di cancelleria) e letterarietà. Esaminando ad esempio il complesso di leggi federiciane delle Costitutiones Friderici secundi (1231), non soltanto riscontriamo l’uso del cursus, ma altresì forme di abbellimento retorico come l’allitterazione, che noi associamo prevalentemente alla poesia o alla prosa letteraria. È questo uno dei limiti della ricerca attuale, secondo Grévin: il dissociare questi due tipi di scrittura e non considerarli invece come espressione di una stessa forma di pensiero. Quest’ultimo era proposto dall’ars dictaminis come una forma universale ed eterna di scrittura latina, in cui l’artificio fosse un prestigio supremo al pari dell’oscurità, considerata positivamente sulla base delle pratiche di esegesi biblica (Bene da Firenze, di cui si parlerà in seguito, poteva affermare che il dictator imitasse l’azione divina con l’artificio delle sue parole).

Troviamo una definizione “classica” dell’ars in uno scritto di Tommaso di Capua, arcivescovo di Napoli e  in seguito cardinale, autore di una Summa dictaminis: si tratta di una «digna verborum artificiosa congeries» costituita da tre tipologie: il dictamen prosaycum, metricum e ritmicum. Quest’ultimo si basa su tre schemi di successione accentuativa : il cursus velox, che possiamo rappresentare, contando uno “0” come vocale non accentata e un “1” come vocale accentata, con una simbologia del genere: 010000010 (cur Florentie tráxeris tantam móram gravans); il cursus planus (010010): nec id grátus habémus, e il tardus (0100100): sine càusa scìre non pòdssumus. (Summa dictaminis. I, 62).
Come guida per comporre un dictamen, gli autori proponevano una vera e propria macchina formulare, ovvero dei formulari simili ad algoritmi per la scrittura: per un cursus velox ad esempio, alla parola “sànguine” potevano aggiungersi, a seconda delle esigenze stilistiche e contenutistiche, un maculà-, purpurà- , consacrà-, cancellà–  più le desinenze in –vit/ -runt/ -bit/ – tus eccetera.

Le origini della pratica sono da rintracciare nell’abbazia di Montecassino intorno all’anno 1080, con il Breviario del maestro di retorica Alberico da Montecassino. In un periodo di lotte politiche fra fazione papale e filo-imperiale, l’arte della scrittura in prosa rispondeva a un’esigenza pratica di propaganda. Dall’abbazia cassinese la pratica si diffuse nel Mezzogiorno e nella cancelleria papale, compresa Bologna, nel 1120 circa; i centri di Bologna, Pavia e Arezzo risultano attivi dal 1160, come anche Orleans (importante luogo di studi giuridici) e altre località francesi e della Gemania meridionale. Nel resto dell’Italia e della Francia, in Inghilterra e in Spagna invece il dictamen fece breccia agli inizi del nuovo secolo. Già nel 1180–1270 abbiamo delle collezioni forse attribuibili a un certo “Transmundus di Clairvaux”. Dopo il 1266 assistiamo a un’estensione a livello europeo, che toccò perfino la Boemia.

Per avere una sistemazione teorica dobbiamo aspettare la cosiddetta “epoca classica” dell’ars (1200-1300), con i grandi maestri bolognesi Boncompagno da Signa, Guido Faba e Bene da Firenze fra gli altri. Le teorie bolognesi si intrecciarono poi in un complesso connubio con le artes poetriae anglo-francesi nel primo ventennio del XIII secolo.

Il dictamen raggiunse la piena maturazione e consapevolezza teorica nei territori papali con la suddetta Summa di Tommaso di Capua  e l’epistolario di Riccardo da Pofi (redatti tra il 1210 e il 1266). Le tecniche papali, bolognesi e siciliane finiranno per avere un’influenza maggiore di quelle francesi dopo questa data: la Sicilia imperiale aveva visto infatti l’elaborazione di un “contro-modello” stilistico sotto Federico II, Corrado IV e Manfredi. (1220-1266). Il notaio Pier delle Vigne fu l’indiscusso maestro di stile, le cui lettere saranno un modello per gli scrittori di tutto il medioevo europeo. Per farci un’idea del contenuto della raccolta dei suoi scritti, esaminiamo il contenuto dei sei libri che la compongono: il primo comprende pamphlet di propaganda antipapale e violente lettere imperiali; il secondo propaganda bellica; il terzo lettere di argomento vario e personale; il quattro litterae consolationis; il quinto atti amministrativi e di gestione della giustizia; il sesto privilegi solenni.

L’ars dictaminis non concerne solamente la forma: nei  trattati, come il Candelabrum di Bene da Firenze, ma soprattutto nell’innovativa Rhetorica novissima di Boncompagno da Signa (1170 – 1250), professore a Bologna e Padova, si raccomanda l’uso della transumptio, ossia della metafora, «mater omnium adornationum», intesa non solo come abbellimento retorico bensì come riconoscimento e riproduzione dell’ordine cosmico, una forma di pensiero che lega il macrocosmo della grande fabbrica divina al microcosmo della scrittura: la creazione stessa sarebbe stata un atto di transumptio, secondo Boncompagno. Notiamo nella massiva influenza dell’esegesi biblica e della dottrina dei quattro sensi la distanza di tali pratiche dal latino classico.

Fra il 1300 e il 1500 entriamo nell’età post-classica del dictamen, con forme ibride e un declino complessivo dovuto all’emergere delle letterature volgari, fatta eccezione per un revival nella Mittleuropa: nella Boemia di Carlo IV abbiamo una vera e propria seconda età aurea, con una diffusione anche in Polonia.  In Europa occidentale, nonostante il graduale calo di fortuna, continua l’assorbimento delle dottrine e degli schemi di origine papale e siciliana. Abbiamo ad esempio l’inglese Richard de Bury che nel 1344 offre un ottimo esempio di uso del cursus nel suo Philobiblon. In Catalogna, il proemio per l’inaugurazione dell’università di Leida (1300) riprende passi di Pier delle Vigne.

L’inizio del XIV secolo vede l’importante teorizzazione di Giovanni del Virgilio, il quale distingue gli stessi tre generi di Tommaso di Capua (prosaicum, rythmicum, metricum) e li suddivide ulteriormente: il prosaicum può essere epistolare e non epistolare; il modo epistolare è poi considerato nell’evoluzione storica, con «Seneca, Paulus et alii» (che ovviamente non utilizzavano il cursus) per gli antichi e «Petrus de Vineis et alii» per i moderni. Per quanto riguarda il  rythmicum, compare anche la possibilità di applicarlo al volgare.

Quella dell’ars dictaminis applicata alla letteratura volgare è una questione molto controversa. In questo campo si confrontano le opinioni di Paul Oskar Kristeller e di Ronald G. Witt: il primo portavoce di una visione “continuista” molto criticata, esposta in «Humanism and Scolasticism in Italian Renaissance» (Byzantium, 17, 1944-45); il secondo di una contrapposizione netta fra umanesimo e dictamen, che anzi imputa a quest’ultimo l’aver ostacolato la formazione dell’individualità autoriale (In the footsteps of the ancients. The origins of humanism from Lovato to Bruni). Kristeller dipinge gli umanisti intellettuali legati alla scuola e all’università, quindi con una posizione sociale sovrapponibile a quell dei dictatores medievali: cancellieri, notai, legisti. Coluccio Salutati in quest’ottica sarebbe il perfetto omologo di Pier delle Vigne. La scarsa originalità filosofica dell’umanesimo deriverebbe dal fatto che la filosofia non costituiva il principale interesse dei protagonisti del movimento, incentrato piuttosto sulla retorica e la grammatica. Witt obietta che se anche professionalmente gli umanisti ricoprivano veramente gli stessi ruoli dei dictatores (a parte però eccezioni illustri come quelle di Petrarca e Boccaccio), nelle scritture private essi non dovevano nulla a tale pratica. Gli umanisti non furono solamente gli eredi delle arti di scrittura medievali riverniciati di cultura latina, e la loro attività non germogliò dal dictamen quanto piuttosto da un rifiorire degli studi di grammatica, opposta alla retorica (sfera a cui pertiene l’ars) in quanto arte contemplativa e non pratica:

in fact, until the late fourteenth century, in their professional work as chancery officials or teachers of rhetoric, humanists carried forward medieval rhetorical traditions of expression and, in some cases, they even composed treatises on ars dictaminis. In contrast, significant stylistic changes in the direction of imitating ancient rhetoric occurred in those writings composed by humanists as private individuals. […] these fourteenth-century chancellors and teachers owed little or nothing to the tradition of ars dictaminis. […] besided having concluded that humanism did not arisen as an offshoot of the dictamen, I had arrived at three further conclusions: […] third, that because it begin in poetry, the origins of humanism were to be found not in rhetoric but in grammar. (In the footsteps of the ancients, R.G.Witt, Brill, Leiden – Boston – Köln, 2000, pp. 5 -6)

Utilizzano il cursus rythmicum volgare già Guido Faba (Gemma aurea e Parlamenti ed epistole) e Matteo de Libris (Arringhae) in un contesto comunale duecentesco. Nell’ultima opera menzionata, quella di Matteo, abbiamo un esempio di come il dictamen si adattò alla scrittura di ambiente comunale: «Per le semente de lo inimico de la humana generazione lo homo de questo mundo spese fiata convene sutìnere brìga (planus), danno, recresemento e dolore, e per questa casone nui sémo qui adunàti.(velox)». Questo stralcio dell’Arringa VI dimostra oltretutto come i modelli retorici derivino strettamente da quelli latini: la stessa transumptio, «…umani generis inimico superseminante zizaniam…», si legge in Riccardo da Pofi.

Nel Trecento avanzato troviamo collezioni di volgarizzamenti, come il ms. BAV, Chigi VII 267 (1389) che contiene la traduzione del Bellum Jugurthinum, orazioni come la Pro Marcello e la Pro Ligario, le lettere di Pier delle Vigne, una lettera del re Roberto di Napoli e l’ «Ammaestramento che fece una reina». Un caso di ibridazione ce lo offre Guido delle Colonne (1240 – 1287?) con le sue canzoni volgari e con la famosa opera in prosa ritmata dell’Historia destructionis Troiae, stavolta una latinizzazione di modelli francesi. Tra l’altro, anche l’autore supremo, Pier delle Vigne, si dilettò con canzoni volgari che incrociano la pratica del cursus con i modelli francesi e occitani (Amando con fin core e con speranza ne è un egregio esempio); molte delle sue lettere, come già visto, furono volgarizzate cercando di mantenere la scansione ritmica del dictamen. Un continuo interscambio lega i componimenti nelle due lingue: basti confrontare la (volgare) Disputatio rosae cum violae (un dibattito sulla nobiltà dei due fiori) del milanese Bonvesin de la Riva con la Descriptio virtutum rosae et violetae, et quae sit preferenda di Pier delle Vigne: gli stessi stilemi circolano in tutta Italia.

La riproduzione di una pratica nata come latina presenta però notevoli difficoltà a livello di sintassi, costruzione del periodo e ritmo, e molto spesso l’italianizzazione risulta difficoltosa, rozza o incompleta. Si veda ad esempio il volgarizzamento della Brevis introductio ad dictamen di Giovanni di Bonandrea, eseguito nel 1340 circa: un exemplum trisillabi cursus, che in latino suona: «Ex actibus vestris apèrte notàtur, quod estis iudex iùstus et rictus, vel in quoslibet tam alti sànguinis gloria.» non può essere riprodotto fedelmente in italiano perché il sintagma «giusto e diritto» con cui si rendeva iustus et rictus, non presenta la stessa accentuazione.

Altra difficoltà, per i teorizzatori, fu quella di armonizzare tale dottrina medievale con quella classica di Cicerone e Quintiliano; nella Rettorica, Brunetto Latini, come Giovanni del Virgilio, distingue una maniera antica e una moderna: «Retorica è scienza di due maniere: una la quale insegna dire, e di questa tratta Tulio nel suo libro; l’altra insegna dittare, e di questa, perciò che esse non ne trattò così apertamente, si nne tratterà lo sponitore nel processo del libro.» Dunque Cicerone non parlò dell’arte del dictare, di pertinenza dei “moderni” – Pier della Vigna in primis –  ma solamente di quella del dire, ossia dell’oratoria: ciò significa una minore incidenza della funzione deliberativa della retorica rispetto ai tempi classici. Tuttavia egli è, come Brunetto specifica in limine alla sua Rettorica, il primo autore della sua opera, mentre il secondo è  «Brunetto Latino cittadino di Firenze, il quale mise tutto suo studio e suo intendimento ad isponere e chiarire ciò che Tulio avea detto».

Un altro problema concerne infatti la funzione dialettica della retorica classica, riproducibile in ambito comunale ma non a livello delle grandi monarchie del sud Italia e dell’impero, almeno secondo una visione classica che Grévin intende confutare o perlomeno sfumare. La ricerca avrebbe il limite di dissociare il mondo delle monarchie dal mondo comunale, trascurando l’intensa circolazione dei modelli, il comune milieux europeo e l’esigenza della retorica dialettica anche nei due regimi monarchici in quanto in lotta l’uno contro l’altro.

Un ulteriore punto riguarda l’interpretazione storica e, possiamo dire, antropologica data al dictamen: fu un modello mentale totalizzante o addirittura una gabbia concettuale come pensa Witt, che lo considera un ostacolo all’emergere dell’individualità dell’autore? Inoltre: come si pone l’umanesimo nei confronti di questa pratica? Inserire un lineare processo di abbandono dell’ars in osservanza dei modelli classici – e concentrare l’attenzione sull’unico fenomeno preumanista nel tardo XIII secolo e nel seguente –  è probabilmente una visione troppo semplificata e teleologica, in quanto fra i due ordini di pensiero vi fu a lungo confini estremamente malleabili. Fino al Quattrocento almeno, più di quanto molti studiosi insistano a dire, l’ars dictaminis fu un modello ancora largamente dominante.

In conclusione, i fattori che, nell’opinione di Grévin ostacolano ancora la ricerca sono: la mancata considerazione di un corpus di testi che includa anche la letteratura e non solo la scrittura epistolare; la dissociazione fra il “mondo delle monarchie” e il “mondo dei comuni”; la visione teleologica della storia che porterebbe a rintracciare nei secoli XIII – XIV solamente l’emergere del preumanesimo trascurando le forti persistenze del pensiero scolastico.

 

Martina Bonciani

martina.bonciani@unive.it

 

 

Immagine in evidenza: Berna, Burgerbibliothek, 120 II, f. 101r (la cancelleria normanna)

 

 

 

 

 

 


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *