Cronaca del convegno “Storia sacra e profana nei volgarizzamenti medioevali. Rilievi di lingua e cultura” (Milano, 25-26 ottobre 2017)

Il 25 e 26 ottobre 2017 si è tenuto, presso l’Università Cattolica di Milano, il convegno internazionale su Storia sacra e profana nei volgarizzamenti medievali organizzato Michele Colombi (Università Cattolica del Sacro Cuore) e Paolo Pellegrini (Università degli Studi di Verona). I saluti istituzionali del prorettore hanno aperto i lavori sotto l’insegna dell’importanza dell’internazionalità che caratterizza lo studio e del ruolo fondamentale che svolgono l’Università Cattolica del Sacro cuore e l’Università di Verona nella diffusione e produzione della cultura.

Il primo intervento è stato preparato da Giuseppe Frasso (Università Cattolica del Sacro Cuore), ma letto da Michele Colombo (Università Cattolica del Sacro Cuore) poiché l’autore era assente per motivi personali. La relazione ha rappresentato bene l’impostazione del convegno, presentando un processo di de-letterarizzazione di argomenti sacri attraverso il rimaneggiamento popolare che li avvicina a una devozione meno sofisticata. Il caso analizzato è quello della Leggenda dell’invenzione della Croce, episodio conosciuto già durante l’Alto Medioevo (in autori cristiani come Rufino e Sozomeno) e poi diffusissimo nella versione veicolata da Iacopo da Varagine nella Legenda Aurea (attraverso la quale si diffonde maggiormente la versione che vede protagonista Giuda Ciriaco, personaggio assente nelle altre due versioni). In Iacopo da Varagine l’episodio è incasellato tra altre due leggende, quella del legno della Croce e quella di Adamo ed Eva; il volgarizzamento trasferisce invece, nella forma di cantare quattro-cinquecentesco, esclusivamente l’episodio dell’invenzione della Croce nel quale confluiscono, però, particolari presenti nelle due leggende che lo incorniciano nella Legenda Aurea. Il trasferimento in forma di cantare provoca una rivisitazione dell’antichissima leggenda in funzione di una diffusione popolare che risente fortemente della tradizione giullaresca (si concentra ad esempio sugli aspetti miracolosi) che arriva alle sue ultime stampe in una facies del tutto nuova rispetto a quella dell’origine: le edizioni ottocentesche scelgono di pubblicarla soprattutto per un gusto linguistico.

Il secondo intervento, di Luca Barbieri (Université de Fribourg), si è concentrato sull’analisi del caso del manoscritto Gaddi 71 della Biblioteca Laurenziana di Firenze. Il codice trasferisce una miscellanea di argomento troiano caratterizzata dall’incompletezza dei testi che veicola: le Eroidi di Ovidio volgarizzate e glossate (cc. 1r-8v); l’Istorietta troiana volgarizzata e glossata (cc. 9r-14v); l’Eneide volgarizzata da Andrea Lancia (cc. 16r-19v); e l’Intelligenza (cc. 20r-25v). Lo studio di Luca Barbieri si è concentrato sui primi due testi, entrambi influenzati dagli intermediari della tradizione francese piuttosto che dagli antecedenti latini. Le traduzioni che veicolano non sono raffinate, ma d’altra parte le glosse che contornano il testo (apposte in modo stratificato, da più di due commentatori diversi e collegate da elementi comuni ai due testi), rivelano delle riflessioni metaletterarie di tipo narrativo, morale e mitologico, che confermano l’influenza della cultura francese sugli attori della composizione del testimone. Le glosse, soprattutto quelle narrative, costituiscono un banco di prova importante per la prosa narrativa letteraria: vi si riscontrano numerose prime attestazioni e una di esse (spastarsi) è attestata unicamente in questo codice e in una novella del Decameron. I legami con Boccaccio non si esauriscono qui: nelle chiose del Teseida si riscontrano alcune coincidenze tematiche (riguardanti la gelosia, e alcuni miti classici) e strutturali con questo codice.  Il manoscritto, della prima metà del Trecento, è la testimonianza di come la cultura italiana si stia mano a mano spogliando del suo debito nei confronti della cultura francese: i volgarizzamenti sono completati, negli altri testimoni che li tramandano, con le traduzioni d’autore di Filippo Ceffi.

L’obiettivo dell’intervento di Paolo Pellegrini (Università degli Studi di Verona) è stato quello di dimostrare che un’attenta analisi della bibliografia e una comunicazione più costante della filologia con la linguistica permettono di controllare in modo più stringente e produttivo le edizioni critiche. L’edizione Giuliari (1872) della Passione Veronese ha avuto la funzione di esempio per avallare il suo ragionamento: l’editore emenda il sintagma sul cavoge (dialetto veneto per “sul càpogli”) in sui cavegi (“sui capelli” che nel manoscritto 753 della Biblioteca di Verona, su cui si basa l’edizione, si trova anche un rigo sopra). L’intervento editoriale sembrerebbe giustificato dalle ridottissime attestazioni del pronome enclitico in dipendenza da sostantivi. Ma una più attenta indagine ha reso possibile l’individuazione di uno studio di Salvioni del 1903 che dimostra come in italiano antico possano essere rintracciate numerose testimonianze di pronomi enclitici in dipendenza da preposizioni e avverbi, e che la lezione sul cavoge può essere accolta in quanto il sintagma ha un valore preposizionale. Inoltre lo studioso si accorge anche che Mussafia aveva suggerito tale soluzione all’editore stesso, in una lettera.

Il dibattito a conclusione della mattinata si è svolto a sostegno della necessità di mettere in comunicazione le discipline per procedere all’edizione critica dei testi, in particolare dei volgarizzamenti.

La sessione pomeridiana si è aperta con la relazione di Nicolangelo D’Acunto (Università Cattolica del Sacro Cuore) che prende le mosse da una riflessione sulla funzione dei volgarizzamenti agiografici indirizzati ad un pubblico laico. A partire dalla istituzione degli ordini Mendicanti inizia a essere proposto, anche fuori dai conventi, un modello di imitazione derivato dalle abitudini monastiche e conventuali (divieto di bere vino, obbligo di castità), con l’obiettivo di aumentare il controllo della gerarchia ecclesiastica sul laicato (un esempio per tutti è la formazione delle confraternite laiche che nascono come costole degli Ordini stessi e rendono più efficace la penetrazione del cristianesimo nella quotidianità). Altre spinte propulsive per la promozione di un modello monastico dipendono dalla maggiore alfabetizzazione dei laici e dall’allargata possibilità della lettura personale: i volgarizzamenti costituiscono un veicolo fondamentale per la diffusione di un procedimento ermeneutico che nasce all’interno degli ordini religiosi. In questo panorama, è interessante notare come arrivi ai laici la proposta del modello dei padri orientali raccontati dalle agiografie volgarizzate, passate attraverso il filtro di alcune resistenze e in alcuni casi (Salimbene de Adam) mescolate con gli ideali cortesi e laicali.

Cristiano Lorenzi ha proposto un’analisi delle due redazioni due-trecentesche del volgarizzamento della Prima Catilinaria, inizialmente attribuite a Brunetto Latini. Messa in discussione la certezza dell’attribuzione (valga per tutti il motivo dell’assenza del nome dell’autore da tutti e 29 i testimoni manoscritti), Lorenzi identifica una dipendenza della redazione B (meno attestata) da A (maggioritaria) ipotizzando che il volgarizzatore di B avesse sotto gli occhi sia il testo latino, con il quale innova la traduzione, che il testo di A, al quale si attiene fedelmente per l’ultima parte del testo. Lo studioso propone anche una distinzione di valore tra le redazioni A e B, individuando in B una maggiore generalità nella traduzione dovuta a una minor conoscenza del mondo romano e al fraintendimento del testo latino. La seconda redazione infatti non si impone sulla prima.

Nel primo dibattito pomeridiano Zaggia (Università degli Studi di Verona) ha proposto di ipotizzare una cronologia inversa per le redazioni della Prima Catilinaria (e quindi che B preceda A), mentre Cella (Università degli Studi di Pisa) ha invitato a considerare delle soluzioni alternative all’ipotesi di ricontrollo di B sul latino, che invece sembra aver persuaso Zaggia e gli altri studiosi presenti alla discussione.

Dopo il dibattito, Raymund Wilhelm riprende l’argomento dell’agiografia tradotta in volgare per esaminare il caso delle traduzioni in versi degli exempla della Vita scolastica ad opera di Bonvesin della Riva. Lo studioso nota che l’attenzione volgare per l’agiografia è dedicata soprattutto ai “santi mitici” rispetto a quelli “storici”, più vicini nel tempo che si trovano ampiamente nei testi latini. Il motivo della predilezione è riscontrabile nel carattere meraviglioso delle storie narrate a proposito di personaggi poco collocabili nel tempo che ha un potere di fascinazione più alto per la cultura popolare. Bonvesin si inserisce perfettamente in questo quadro al punto da far credere allo studioso che abbia potuto redigere anche gli exempla latini prima di approntarne una traduzione in versi.

La prima giornata di lavori si è conclusa con l’intervento di Enrico Faini che ha presentato in un chiave storico-ideologica le traduzioni di Vegezio e Orosio approntate da Bono Giamboni alla fine del XIII secolo. Lo studioso si è concentrato sul lessico della politica per notare un programmatico effetto attualizzante nella traduzione da cui si evince una posizione militante, di parte popolare, che fuoriesce dalla penna di un giudice di rango sociale elevato. Il relatore sottolinea l’importanza dell’analisi testuale per il ragionamento storico: i segnali riscontrati nella traduzione di Bono sembrano avallare le ipotesi di alcuni studiosi che individuano nell’ideologia un ruolo più rilevante rispetto a quello dell’appartenenza sociale all’interno del conflitto tra magnati e popolani che si svolge alla fine del Duecento. Valga per tutti l’esempio della traduzione dell’episodio delle liste di proscrizione sillane: «Tunc Sylla auctore […] primus infamem illam tabulam proscritionis induxit» tradotto da Bono con «in prima fece libri di sbanditi infamati» spostando il giudizio di infamia, dunque, non su chi bandisce ma sugli sbanditi, secondo la consuetudine del governo comunale fiorentino per cui il bando non costituiva un abuso di potere ma un modo per assicurare la compattezza del gruppo di governo. In questo senso Bono potrebbe avere l’intenzione di legittimare l’uso del bando attraverso il collegamento con le abitudini della Res publica romana.

 

La seconda giornata di lavori si è aperta con l’intervento di Michele Colombo (Università Cattolica del Sacro Cuore), spostato dalla prima alla seconda giornata per l’assenza di Giovanna Frosini. Il relatore ha proposto una localizzazione geografica per la Passione Mai tramandata dal manoscritto MA 460 della Biblioteca Angelo Mai di Bergamo (codice quattrocentesco, di piccolo formato). L’area individuata è certamente quella veneta e molto probabilmente quella veneziana: con alcune eccezioni, infatti, si riscontrano dei particolari linguistici innegabilmente del veneziano antico (di cui il più significativo è la costante presenza del della II persona singolare terminante in -s: tu dis, tu negeras). Lo studioso deduce dalle caratteristiche testuali che il testo trasferito dal testimone doveva essere finalizzato alla lettura ad alta voce durante le celebrazioni del Venerdì Santo. Il dato offre lo spunto per una riflessione, a partire dalle osservazioni di Zumthor, sull’importanza della riproduzione orale per la trasmissione poiché è spesso soggetta all’interpretazione estemporanea che si riflette anche sullo scritto.

La relazione di Giulio Vaccaro (Opera del Vocabolario italiano, CNR) riporta l’attenzione sui volgarizzamenti storici, e in particolare sulla silloge in volgare nota come Libro dell’Aquila. Il testo è tramandato da due manoscritti (il Morbio 3 della Biblioteca Braidense di Milano che Vaccaro retrodata al periodo tra il 1350 e il 1370; e l’italiano 438 della Bibliothèque Nationale di Parigi datato al 1447) e da numerosi testi a stampa (la princeps è un incunabolo del 1492, prodotto molto lussuoso della Napoli aragonese). A seguito di uno studio molto approfondito che ha permesso di individuare precisamente la vasta serie di fonti prese a modello dal compilatore del libro che attestano una diffusione della pratica del volgarizzamento anche nell’Italia Meridionale (Roma), Vaccaro nota che il testo «può essere paragonato ai nostri instant book», per l’intento chiaramente politico di esaltazione della famiglia Ceccano (per la quale l’autore intende dimostrare una discendenza romana). Ma in realtà la circolazione dell’opera attesta una diffusione in ambienti di lusso che fanno pensare a una sua ricezione come libro popolare che aveva il ruolo di raccontare la storia del mondo.

Simone Pregnolato (Università degli Studi di Verona – Universität des Saarlandes) propone i risultati dell’esplorazione del testo della redazione C del volgarizzamento dell’Historia destructionis Troiae di Guido delle Colonne, operato da Mazzeo Bellebuoni, notaio e giureconsulto vissuto probabilmente tra il 1270 e il 1348 a Pistoia. L’opera non uscì da Pistoia probabilmente a causa dell’immensa diffusione della traduzione di Filippo Ceffi, che costituisce la versione B. Pregnolato ha individuato due testimoni riccardiani (1095 e 2268) che trasferiscono il volgarizzamento e ha individuato come testo base il 2268 per i tratti pistoiesi della lingua che lo avvicinano all’autore, nonostante sia mutilo del primo foglio. D’altra parte, il testimone 1095 si è rivelato importante per emendare alcuni luoghi erronei in 2268. Il relatore si sposta poi sul piano dell’analisi sintattica della traduzione e individua una lingua caratterizzata dalla paratassi, dai temi sospesi che frantumano il periodare e da una plasticità tipica di una lingua prosastica in formazione.

Marco Robecchi (Università degli Studi di Verona – Université Paris IV-Sorbonne) ha presentato una relazione sui volgarizzamenti di Jean de Long trasmessi, sempre come antologia, in sei testimoni. Le fonti latine di questi volgarizzamenti accomunati dall’argomento del viaggio in oriente, sono sempre individuabili con certezza; emergono bene, dunque, le aggiunte e le scelte attualizzanti operate dal traduttore benedettino che scriveva da un convento della Piccardia. Robecchi fa notare come le aggiunte siano prevalentemente nelle sezioni dedicate ai pellegrinaggi e siano rivestite di un intento didascalico e parenetico sulla storia biblica dei luoghi attraversati dai pellegrini. Oppure come il traduttore tenda a chiarire delle questioni che, se riferite alla contemporaneità, potrebbero creare ambiguità nel lettore (che si immagina laico). Infine, l’analisi dei regionalismi lessicali soprattutto nel campo semantico del commercio, permette di avanzare delle ipotesi sui destinatari del testo che potrebbero essere, almeno per la prima circolazione, non tanto i nobili dei dintorni della regione, quanto la borghesia mercantile della Piccardia.

Durante il dibattito, Zaggia ha avanzato la possibilità di riconsiderare la destinazione nobiliare del volgarizzamento di Jean de Long, osservazione che ha dato modo di approfondire le caratteristiche codicologiche dei manoscritti che tramandano l’antologia: i codici più antichi sono piccardi e non sembrano uscire dalla regione, mentre i recentiores sono lussuosi e posseduti da nobili francesi e inglesi.

L’intervento di Elisa De Roberto (Università degli Studi di Roma Tre) nota preliminarmente che il tradizionalismo delle narrazioni miracolistiche si riscontra nella fissità di una struttura nella quale si uniscono mondanità e sacralità, nella ricorsività di personaggi e svolgimento della trama. Il suo studio si propone quindi di rintracciare una guida all’interno di queste narrazioni ma non seguendo tanto le tracce di temi, scene e motivi, quanto piuttosto quelle dell’operazione cognitivo-discorsiva che si elabora nelle versioni volgari di questi testi. I fenomeni linguistici individuati, in primo luogo all’interno dei Dialoghi di Gregorio Magno e dei Cinquanta miracoli della Vergine, riguardano la costruzione della referenza (la designazione e la categorizzazione del miracolo dal punto di vista lessicale e sintattico); gli indicatori evidenziali e patemici; l’ancoraggio spazio-temporale (sono più numerose le individuazioni spaziali di quelle temporali: «il santo appartiene a un luogo ma non a un tempo»); la struttura argomentativa (predominanza dei nessi causali e finali). La studiosa propone infine un paragone tra queste evidenze nella letteratura religiosa in volgare con i miracoli narrati nelle Cronache di Dino Compagni e Giovanni Villani: per il primo le strutture linguistiche sono molto simili a quelle delle raccolte, mentre per il secondo è da notare che le narrazioni si concentrano nella parte di cronaca più lontana dalla contemporaneità.

Giuseppe Polimeni (Università degli Studi di Milano) ha presentato il cantiere di lavoro, che sta portando avanti con Chiara Frugoni e Attilio Bartoli Langeli, sull’edizione critica del manoscritto braidense AD XIII 48, che riporta un sermone in versi alessandrini, novenari e ottonari, miniato in tutte le sue 57 carte con illustrazioni probabilmente della mano dell’autore (o compilatore) del testo. La questione autoriale è piuttosto complessa: il codice si può datare al XIV secolo e la lingua suggerisce una localizzazione lombarda; il testo fa capire che il sermone è costituito da un’interpolazione di sermoni differenti, tra cui quello di Pietro di Barsegapè («in sto libro molto bon / lo qual si ha pluxor sermon»). Lo studio paleografico ha fatto emergere la possibilità che il testimone possa essere un autografo di Pietro. Le conclusioni dell’intervento invitano a riflettere sulle categorie di autore, copista, compilatore e predicatore che si differenziano a volte con troppa nettezza.

L’intervento di Simona Brambilla (Università Cattolica del Sacro Cuore) si concentra sul volgarizzamento dell’epistola Familiare XII, 2 di Francesco Petrarca a Niccolò Acciaiuoli, attestata in ben 105 manoscritti quattrocenteschi di origine fiorentina, per la maggior parte cartacei e in umanistica corsiva, che veicolano quasi esclusivamente miscellanee civili o retorico-civili. Brambilla nota che il testo (forse tradotto appositamente per essere inserito in miscellanee di propaganda repubblicana) non si rifà all’ultima redazione rivista da Petrarca, ma sembrerebbe basarsi sulla redazione ϒ, precedente e in cui mancano le ultime correzioni d’autore.

L’ultimo intervento del convegno, tenuto da Roberta Cella (Università degli Studi di Pisa), riguarda ancora il volgarizzamento di un’epistola di argomento civile: quella inviata dai palermitani ai messinesi il 13 aprile del 1282, due settimane dopo la rivolta dei Vespri, per invitarli a insorgere contro gli Angiò. Il testo latino, di cui si dispone l’edizione critica di Colletta, è tramandato dall’Anonima Chronica siciliae, da 10 manoscritti di miscellanee epistolari (erroneamente attribuite a Pier della Vigna) e in un rimaneggiamento dell’Historia sicula. L’epistola è costituta da una fitta messe di citazioni bibliche molto raffinate, architettate dall’autore in modo da far attivare nel lettore una «memoria sintagmatica del testo biblico»: la vicenda dei messinesi è calata in quella degli ebrei che escono dall’Egitto, oppressi dal Faraone (Carlo d’Angiò), anche con l’intento di baipassare il ruolo di Martino IV (sostenitore degli Angiò) in quanto il popolo messinese sarebbe stato protetto direttamente da Dio. Il volgarizzamento è fiorentino e trecentesco, è inedito e attestato solo in due testimoni: il Chigiano L VIII 267 della Biblioteca Apostolica Vaticana alle cc. 189r-191r datato al 1389, e il Corsiniano 44 C 8 della Biblioteca del Lincei e Corsiniana alle cc. 51r-52v del secondo quarto del XV secolo. La resa della traduzione, secondo la studiosa non riesce a veicolare la stessa potente figuralità innescata dagli echi lessicali che si trovano nella versione latina.

La conclusione del convegno è stata affidata a Paolo Pellegrini (Università degli Studi di Verona) che ha tratto le fila del fertile discorso condotto durante le due giornate di lavoro: è emersa una necessità di rendere più fluido il rapporto interdisciplinare con cui è indispensabile approcciare lo studio dei volgarizzamenti; ma anche di sbloccare la settorialità delle categorie da assegnare agli attori delle traduzioni medievali e al contesto in cui si inseriscono.

 

Maria Conte (Università Ca’ Foscari Venezia)


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *