Cronaca del “Seminario di formazione in Storia religiosa e Studi francescani” (Assisi, 8-19 luglio 2018)

Dall’8 al 19 luglio si è tenuto, presso la Domus Laetitiae di Assisi, il tradizionale Seminario di formazione in Storia religiosa e Studi francescani organizzato dal Centro Interuniversitario di Studi Francescani, in collaborazione con la Società Internazionale di Studi Francescani. Quest’anno hanno partecipato al Seminario ventuno giovani studiosi provenienti dai più importanti centri di ricerca italiani, brasiliani e russi.

Nel pomeriggio di benvenuto Stefano Brufani ha accolto i corsisti portando i saluti del Direttore del Centro, Antonio Rigon, presentando il programma di studi e ringraziando gli enti che hanno contribuito alla realizzazione del Seminario.

Il giorno seguente, come di consueto, Luigi Pellegrini (Università di Chieti) ha dato inizio ai lavori con una lezione sugli scritti di Francesco d’Assisi e sulla fraternitas minoritica.

Dalla fine del XIX secolo, a partire dagli studi di Paul Sabatier (1858-1928), la figura di Francesco è stata posta al centro di un’indagine innovativa, tendente alla ricostruzione di un profilo storico del frate che fosse basato non solo sulle fonti documentarie e agiografiche ma anche, e soprattutto, sugli scritti a lui attribuiti.

La prima edizione degli Scritti di Francesco venne allestita nel 1904 da Heinrich Boehmer e, nello stesso anno, seguì il contributo di Leonard Lemmens che, pur superando lo sforzo del Boehmer, scelse di non esaminare l’intera tradizione manoscritta. Nel 1976 Kajetan Esser rielaborò quelle proposte in una più affidabile edizione, fondata, per la prima volta, su tutti i codici allora noti. Quasi dieci anni fa (2009), Carlo Paolazzi pubblicò un nuovo testo critico ricostruito, finalmente, a norma di stemma. Al pari degli Scritti, le biografie di Francesco e i testi sulla storia dell’Ordine, per la maggior parte composti (e copiati) nel XIII secolo, furono oggetto di numerosi studi, i cui risultati – insieme con quelli relativi agli Scritti – corredano le varie e complesse edizioni delle Fonti francescane.

Pellegrini, dopo un’attenta presentazione delle fonti, ha riflettuto sui termini ‘illetterato’ e ‘idiota’, con qualche considerazione sulla lingua e sulla cultura di Francesco, esaminando nel dettaglio i tre autografi del frate, ossia le Lodi a Dio Altissimo, la Benedizione a frate Leone e la celebre Lettera di Spoleto.

Attraverso una rapida ma indispensabile lettura critica delle vite scritte da Tommaso da Celano, Pellegrini ha infine parlato della Regula non bullata e della Regula bullata, definendo in particolare alcuni aspetti della relativa tradizione testuale e del contesto storico in cui tali regole vennero pensate, redatte, modificate e commentate. Secondo Pellegrini infatti «il testo a noi giunto è un prodotto che ha molteplici autori, tra cui senza dubbio frate Francesco».

Nel secondo giorno di studio, Daniele Solvi (Università della Campania) ha tenuto una lezione sulle Laudi e preghiere di Francesco d’Assisi, ponendo l’attenzione in particolare sulla fortuna degli scritti di carattere devozionale.

Il Cantico delle Creature (letto criticamente nel pomeriggio) per esempio ha goduto di un’ampia diffusione perché scritto in volgare – e quindi comprensibile ai più – e soprattutto perché trasmette l’immagine di un Francesco ingenuo che poco ha a che vedere con la sua reale figura storica. I Fioretti, altrettanto conosciuti, hanno infatti le stesse peculiarità: sono scritti in volgare e riflettono immediatezza e spontaneità.

Solvi ha più volte sottolineato che questi testi sono stati pensati da Francesco anzitutto come preghiere e che le uniche finalità cui il mistico tendeva erano spirituali e non poetiche. Per queste e altre ragioni, i testi di preghiera pongono non poche difficoltà di lettura: secondo lo studioso «sono infatti difficili da datare, poco o affatto collegabili alla storia, in questo caso, dell’Ordine e lontani per forma e contenuto da testi normativi o lettere».

Con l’analisi dell’Ufficio della passione del Signore, serie di quindici salmi interamente costruita con citazioni bibliche, e delle Laudi, si è riflettuto anche sui concetti di originalità, autorialità e autografia sempre legati al nome di Francesco.

L’ultima parte della lezione è stata dedicata alla circolazione degli scritti di Francesco nel web, dove spesso testi e immagini vengono associati dai lettori in maniera inadeguata, contribuendo alla diffusione di un messaggio se non diffratto, fortemente contaminato.

Lungo la terza giornata di lavoro, Stefano Brufani (Università di Perugia) ha anticipato alcuni argomenti che sarebbero stati poi trattati a Foligno nei giorni 20 e 21 luglio, in occasione di un incontro di studi incentrato sugli anni del generalato di Bonaventura da Bagnoregio.

Il pomeriggio è stato interamente riservato alla lettura e alla spiegazione dei punti salienti del Sacrum Commercium Beati Francisci cum domina Paupertate, opera di un anomino minorita ascrivibile agli anni centrali del XIII secolo (1227-1280), massima espressione della prima fraternità e dello spirito pauperistico francescano.

Nella quarta giornata di studi Alessio Monciatti (Università del Molise) è intervenuto, presso il Sacro Convento di Assisi, sui palazzi papali e la politica pontificia nel medioevo.

Secondo Monciatti, se si vuole riflettere sul palazzo del papa nella Roma medievale non si può pensare ai Palazzi Vaticani di oggi. Il palazzo papale nel medioevo era infatti il Palazzo Lateranese, immaginabile solo attraverso una ricostruzione ideale, poiché tutto il complesso fu riedificato da Papa Sisto V alla fine del XVI secolo. Dell’aspetto di tale residenza non si hanno testimonianze dettagliate: si suppone fosse un insieme di corpi di fabbrica diversi e stratificati, collegati da corridoi e strutture interne di vario genere, molto simile al palazzo imperiale coevo. I palazzi papali dovevano inoltre rispondere a determinate esigenze, legate soprattutto all’esercizio del potere temporale.

Di particolare importanza erano quindi anche le città papali che, negli antichi palazzi vescovili, ospitavano il pontefice in occasione per esempio di un conclave o perché venivano elette come sedi estive.

Non ci sono dubbi che ad Assisi, annesso alla Basilica, ci fosse un palazzo papale, verosimilmente costruito ex novo da Gregorio IX. Attraverso la ricostruzione degli ambienti pubblici e privati si crede che questi si trovassero nei pressi della zona nord-occidentale, con accesso diretto alla Basilica; tuttavia quale fosse la reale architettura non è dato saperlo.

Come da tradizione, nel pomeriggio, Monciatti ha guidato il gruppo nella Basilica di San Francesco, illustrando nello specifico i cicli pittorici della Basilica Superiore.

Il giorno seguente, sempre presso il Sacro Convento, Massimiliano Bassetti (Università di Verona) ha tenuto un seminario dal titolo Frati minori e biblioteche.

Nella prima parte della giornata ha ripercorso la storia del libro – dal rotolo al codice – al fine di descrivere nel dettaglio forme e funzioni delle biblioteche medievali e per comprendere il rapporto che vigeva fra i libri e i Minori.

Guardando al XIII secolo, secondo Bassetti, «non si può ancora parlare di biblioteche francescane» ma certo è che già nel secolo successivo le primitive raccolte di libri divennero vere e proprie biblioteche, prodotte e ordinate secondo regole che rispondevano ai più antichi sistemi normativi monastici. I Minori, quindi, eredi di una lunghissima tradizione ellenistico-cristiana, adottarono come strumento per la trasmissione dei testi scritti il codice, più pratico ed economico rispetto al rotolo, per lo più miscellaneo perché necessario alla predicazione. In origine, la biblioteca francescana era costituita da un armarium, cioè uno scaffale dove venivano riposti i volumi, libri sia di natura documentaria sia di natura liturgica o scolastica. Solo in un secondo momento e solo una minima parte dei libri custoditi nella biblioteca privata venne messa a disposizione dei frati (ad usum fratrum).

Per la Regola – e quindi per Francesco – nei libri si doveva ricercare l’edificazione e non la bellezza in sé, dovevano essere utili alla predicazione, potevano essere utilizzati solo da chierici o laici che sapessero leggere il latino e talvolta potevano avere anche funzione patrimoniale.

Nel pomeriggio, Bassetti ha mostrato ai corsisti una serie di interessanti manoscritti appartenenti al fondo antico della Biblioteca del Sacro Convento, tra cui il codice assisano del Liber di Angela da Foligno e l’Inventario di Giovanni di Iolo (1381).

I lavori del Seminario sono ripresi l’indomani con una lezione tenuta da Marco Bartoli (Università di Roma LUMSA) sulle fonti liturgiche francescane, esaminate a partire da una riflessione di carattere generale sul rito, componente fondamentale di ogni espressione religiosa, e sulla liturgia, intesa come esercizio di un credo.

Per Bartoli infatti «la liturgia è un rito che si svolge nel tempo» e in tutte le culture il tempo del sacro è un tempo diverso dal tempo ordinario: la liturgia, dove la preghiera svolge un ruolo preponderante, serve quindi a sacralizzare il tempo.

Per i monaci, e poi dall’XI secolo anche per i preti diocesani, la vita era scandita dal ritmo della preghiera liturgica, simbolica e fortemente evocativa, e tutti erano tenuti all’Ufficio che – come Bartoli ha più volte sottolineato – si leggeva e si cantava in latino.

Gli ordini mendicanti hanno saputo sacralizzare attraverso la liturgia anche il tempo delle città, operazione preliminare alla conquista dello spazio secolare. La prima fraternità minoritica si sviluppò infatti al di fuori di ogni struttura ecclesiastica: erano penitenti laici che desideravano ardentemente vivere un’intesa vita di preghiera. Fu proprio Francesco ad aver insegnato loro a pregare, fuori da un sistema consolidato come quello, per esempio, benedettino, tutt’altro che libero e senza regole.

Francesco creò un ufficio liturgico uniforme, diverso da quello dei Predicatori e dipendente dal Breviario Pontificio di Innocenzo III, una copia del quale, custodita oggi nel protomonastero di Santa Chiara ad Assisi, venne affidata da Francesco stesso ad Angelo e Leone.

Nell’ultima parte della giornata si è discusso sulla forma e l’organizzazione interna del libro liturgico ed è stato analizzato nel dettaglio l’Ufficio della Croce di Francesco, massima espressione della profondità della sua preghiera, rivalutata alla luce delle biografie redatte dopo la canonizzazione.

Con l’inizio della nuova settimana, dopo una domenica trascorsa insieme a Elvio Lunghi tra i dipinti della mostra Gubbio al tempo di Giotto, i lavori sono ripresi al Sacro Convento con un’esercitazione guidata da Luigi Pellegrini e Stefano Brufani.

La mattina i corsisti hanno esaminato insieme a Pellegrini l’Inventario di Giovanni di Iolo, armarista della Porziuncola e del Sacro Convento, che nel 1381 schedò tutti i codici conservati nelle biblioteche dei frati minori. È stato poi letto con cura il ms. 338 del fondo antico della Biblioteca comunale di Assisi, il più antico corpus degli scritti di Francesco (s. XIII), nel quale è individuabile la mano di frate Leone.

Nella seconda parte della giornata Stefano Brufani ha spiegato e mostrato in riproduzione alcune lettere papali tra cui quelle con cui Onorio III istituì l’anno di noviziato obbligatorio, ribadì il rispetto della povertà (22 settembre 1220) e concesse a Francesco e agli altri frati Minori il diritto di celebrare gli uffici divini in caso di interdetto (31 marzo 1222).

Le lezioni dei giorni successivi sono state tenute presso la Domus Laetitiae: Donato Gallo (Università di Padova) ed Emanuele Fontana (Centro Studi Antoniani) hanno presentato i risultati di un’ampia ricerca sugli studi nell’Ordine dei frati Minori (ss. XIII-XIV) e Luca Parisoli (Università della Calabria) ha esaminato l’Apologia pauperum di Bonaventura da Bagnoregio e le fonti filosofiche francescane.

A partire dalle disposizioni delle Regole, e ponendo le basi per un confronto con il più organico percorso di studi dell’Ordine dei Predicatori, i primi due studiosi si sono soffermati nello specifico sulle scuole parigine e sulla disputa accademica degli anni Cinquanta, sull’eredità bonaventuriana e sugli studi nella provincia di Sant’Antonio, riflettendo anche su esperienze e carriere scolastiche di età umanistica.

Parisoli, iniziando la lezione con qualche appunto sulla storia della filosofia medievale, ha poi dedicato la giornata agli scritti di Bonaventura e al rapporto del Minore con la materia filosofica, con la povertà evangelica e con il problema dell’identità minoritica e della sua autorappresentazione.

Durante l’ultima mattinata ad Assisi, prima del trasferimento a Foligno per il già ricordato convegno su Bonaventura Ministro, i corsisti hanno avuto la possibilità di approfondire le proprie ricerche presso la Biblioteca del Sacro Convento, accolti e seguiti da Francesca Silvestri.

Di ritorno alla Domus, Stefano Brufani ha chiuso i lavori del Seminario con una lezione sulla Cronica di Salimbene de Adam da Parma, scritta tra il 1282 (?) e il 1287 e tràdita da un solo manoscritto, autografo di Salimbene.

Brufani ha fondato il suo discorso sul rapporto tra il frate e l’Ordine e sulla presenza di quest’ultimo nella Cronica: l’Ordine di Francesco, utilitas della Chiesa, è infatti ben presente all’interno dell’opera e contraddistinto da un carattere prevalentemente istituzionale. Tra i molti argomenti validi per una possibile lettura trasversale dell’opera, Brufani ha poi scelto di commentare il significato di utilitas e inutilitas, riflettendo in particolare sulle 144 occorrenze individuate nella cronaca.

Lo stesso Brufani ha infine salutato i corsisti consegnando loro un attestato di partecipazione. I vari interessi di ricerca dei docenti e i diversi percorsi di formazione dei giovani studiosi hanno reso possibile sin dal primo momento un proficuo dibattito che si auspica possa continuare anche in futuro.

 

 

Agnese Macchiarelli

agnese.macchiarelli@unive.it


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.